VIAGGIO IN TRENO(il Blog e’ ancora vivo!)

Quei tuoi viaggi in treno lo sguardo oltre il finestrino la mano appoggiata come un cuscino gli occhi socchiusi che odono parlare nel lento vociare di viaggiatori nuovi i ricordi ti fanno addormentare pochi momenti eppur quello che provi io non potro’ sognare. Sono convinto che dei pensieri molti nei desideri avranno l’Ideale del quotidiano avuto che frequenti e dentro … Continua a leggere

La Ragazza del cafe’ notegen

Stessi discorsi, leggo D’Annunzio ciao come va… Sono scontento ma provo l’impulso di guardare un poco piu’ in la’… E,seduta appena arrivata ti ho visto ed eri tu me, dimmi del tempo di come e’ cresciuta e poi si e’ evoluta la forma erotica in te… Ragazza bionda del cafe’ notegen il tuo sguardo si incrocia sul mio se’, sento … Continua a leggere

UN GIORNO CHE ANTICIPA LA FESTA

In una lontana casa, oltre la mattina,oltre il gorno nelle prime gioie della notte entrar per chiuder tutte le finestre e anche poi le porte liberare quelle buie stanze dal silenzio che le circondava e gardandosi intorno sentir muovere il cancello che piu’ non cigolava. Sara’ il vento di questo triste inverno? Sara’ il tuo cuore che da me tornava? … Continua a leggere

Quello che Lascio La Mattina

Quello, che lascio la mattina e’ tutto il resto uno stanco pretesto che battaglia contro cio’ che mai e’ originale vivo di causa e di dispetto non son mai uguale lascio la Giornata in quelli oggetti che come specchi riflettono a me uguale ma sono solo miraggi spenti unici gesti laconiche pietanze da servire sotto natale. Quello che lascio e’ … Continua a leggere

IL NOSTRO LETTO

Il Nostro letto vorrei fosse quel nobile mio incanto quella vita senza piu’ parole un modo di veder le cose senza piu’ volerti accanto ma sentirti quando sono altrove Il nostro letto coi cuscini bagnati dal sudore e dai tempi dell’amore di quando ci si ama bene tutto il resto? Pene e la voglia di dimenticare restare a volte insieme … Continua a leggere

LA RICERCA

  Sento spesso di trovarti di immaginarti, persa nella gente sento spesso e a volte niente ma rimango qui’ alla radio ad aspettarti sara’ bello guardarti il giorno che c’incontreremo salutarsi mano nella mano per poi parlarsi senza freno senza nessuna risposta logica od esperta avrai finito di colmar la mia ricerca